Get Adobe Flash player
LoanoNewsSx

Accesso Utenti

Home

Presentata alla stampa la maschera Capitan Fracassa.

Capitan FracassaVenerdì 28 febbraio alle ore 12.00 presso la Sala del Mosaico di Palazzo Doria, l'Associazione Vecchia Loano ha presentato alla stampa la maschera di Capitan Fracassa, annoverata tra i più importanti personaggi carnevaleschi della commedia dell'arte italiana.
Erano presenti il Sindaco di Loano, dott. Luigi Pignocca, il giornalista del Secolo XIX Luca Berto, per l'ufficio stampa del comune di Loano, Lucia Campana, il consigliere delegato Agostino Delfino (nonchè vicepresidente dell'Ass. Vecchia Loano),l'artista Cesare Guidotti, creatore della maschera in cuoio, la maschera ufficiale del CarnevaLoa, U Beciancin con  il Re del Carnevale Pue Pepin e il Presidente Santino Puleo con alcuni associati.

Dopo un'attenta e approfondita ricerca sulle maschere liguri storiche e tradizionali, il Presidente ha constatato che il personaggio più importante della Liguria, non era stato "adottato" da nessun ente  carnevalesco ligure, pertanto dopo una riunione associativa, si è stabilito di registrare il marchio della maschera e la sua caratteristica immagine.
Lo splendido costume che ricalca fedelmente il personaggio è stato confezionato sapientemente dalla Sartoria Piceni di Matelica (Mc).
Domenica 2 marzo Capitan Fracassa ha debuttato durante la Cerimonia della Consegna delle Chiavi, tenutasi davanti allo storico Palazzo Doria, splendida cornice della manifestazione accanto alle due maschere loanesi Beciancin e Pue Pepin. A fare da padrino alla cerimonia la maschera 'Dsevod di Parma che ospiterà le nostre maschere e tutte quelle più importanti d'Italia al Raduno Nazionale di Maschere che si terrà il 24 e 25 maggio a Parma, dove sarà istituito il primo registro nazionale delle maschere.
Capitan Fracassa è una maschera tradizionale della liguria del XI secolo, che appartiene ai personaggi più importanti della commedia dell'arte italiana.  Il suo nome per intero è Capitan Rodomonte Spaventa di val d'Inferno, soldato spagnolo giunto sulle coste liguri durante la dominazione spagnola, presumibilmente approdato sulle spiagge del ponente ligure; egli andò alla conquista di territori spingendosi fino alla Val d'Inferno (Val Casotto) dove con le sue gesta eroiche ed ardite imprese, in realtà mai compiute,  guerreggiò con interi eserciti e trubù di mori (da qui il suo appellativo in spagnolo "Matamoros").
E' un giovane di bella presenza con baffetti e pizzetto castano, indossa un abito colorato a strisce gialle e arancioni, i cui colori ricordano le divise dei soldati spagnoli, arricchito però da ninnoli e nastri; indossa anche un grosso cappello piumato, ricchi stivali e un'enorme spada da moschettiere, con la quale sa essere temerario,  che trascina facendo molto rumore. La sua voce è tonante e cavernosa, egli è uno spadaccino temerario che combatte però più con la lingua che con la spada . E' una caricatura degli ufficiali di quel tempo.
Si vanta spesso di titoli non posseduti, è divulgatore di gigantesche frottole con modi di dire e dizione prettamente iberiche.
Nasconde il  terrore di dover affrontare una battaglia o un duello, contrariamente a quanto invece afferma di continuo a parole. E' solito prendere in giro gli ufficiali del suo tempo. Talvolta Capitan Fracassa si fa serio, di nobile animo e alti sentimenti, quasi un sognatore.

Smargiasseria e goffaggine lo rendono comunque un personaggio molto buffo, rendendolo una delle maschere più belle, interessanti e complete  della commedia dell'arte. Il suo personaggio è conosciuto anche come Capitan Spaventa, Corazza, Spezzaferro, Spaccamonti, Rodomonte, Cardone e Rinoceronte, tutti derivazioni della maschera adottate dal carnevale italiano.

primi sui motori con e-max
LoanoNewsSx

Amici del CarnevaLoa